Super Bonus 110% per Ristrutturazioni

Stavi pensando di ristrutturare casa? Forse hai scelto il momento migliore per farlo!

In questo articolo parleremo del Super Bonus per l’efficientamento energetico, come funziona, cosa comprende e come ottenerlo.

Alla fine di questo articolo parleremo anche della possibilità CEDERE I CREDITI dell’Ecobonus per riqualificare il proprio immobile completamente GRATIS!

Come funziona?

Da luglio si potrà ottenere un bonus del 110% sui lavori di efficientamento energetico della propria abitazione. La norma del governo premia chi decide di rendere la casa più efficiente con lavori che comprendono: caldaie a condensazione, pompe di calore, pannelli solari, isolamento termico.

Per cui, se si stava pensando ad un intervento per sostituire o implementare pannelli fotovoltaici, oppure se si era programmata la sostituzione delle caldaia a gasolio con un impianto a pompa di calore o con una caldaia a condensazione, con il decreto di maggio si verrà premiati con un credito di imposta del 110%.

Un pacchetto che coinvolge un ampio spettro di interventi e si focalizza su quelli ecosostenibili e innovativi come l’uso di pannelli fotovoltaici o la realizzazione (anche nei condomini) di stazioni per la ricarica di auto elettriche.

Energie Rinnovabili Ristrutturazione con bonus 110%

A chi spetta l'Ecobonus al 110%

Ma quali saranno i beneficiari dell’ecobonus al 110 per cento secondo le novità sul superbonus per le ristrutturazioni contenute nell’emendamento al decreto rilancio?
Beneficiari dell’ecobonus aI 110 per cento saranno:
• le prime e seconde case unifamiliari e i condomini
• le strutture turistiche (come alberghi e residence a condizione che i proprietari siano gestori dell’attività),
• gli enti non commerciali, compresi quelli appartenenti al terzo settore e quelli religiosi,
• gli immobili adibiti all’attività di scuola paritaria d’infanzia non profit,
• i beni provenienti da patrimoni immobiliari dismessi da società a partecipazione pubblica e quelli di associazioni e società sportive dilettanti.

Inoltre considerate come prima casa. Per le seconde case, i lavori si possono fare usufruendo del bonus del 110% solo se le unità fanno parte di un condominio.

Fino a quando sarà disponibile l'incentivo al 110%?

L’ecobonus partirà già da luglio 2020 e durerà fino a dicembre 2021. Da sottolineare la cessione del credito di imposta per condomini e famiglie, la novità più importante è la possibilità data a condomini e famiglie di ricevere subito il credito di imposta maturato evitando di pagare i lavori svolti in anticipo.

Come ottenere l'Ecobonus?

 

 

Il primo step da compiere è identificare correttamente se l’intervento è compreso fra quelli che danno diritto al bonus. Tra gli interventi coperti dal credito d’imposta del 110% ci sono:

  • Cappotto Termico;
  • Interventi sulle parti comuni degli edifici;
  • Interventi sugli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti, nuovi impianti per la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, compresi impianti ibridi e geotermici;
  • Montaggio di pannelli solari;
  • Montaggio di accumulatori di energia collegati ai pannelli solari;
  • Realizzazione delle colonnine per caricare le batterie delle auto elettriche;
  • Tutti gli interventi già previsti dal vecchio Ecobonus.

Quali sono i requisiti per ottenerlo?

L’iter per ottenerlo è abbastanza complesso. Tra i requisiti fondamentali per far fronte alla burocrazia ci sarà da ottenere:

  • eventuale via libera del condominio per lavori su parti comuni;
  • avvio delle procedure dell’Agenzia delle Entrate per la richiesta del il visto di conformità per poter procedere con la richiesta del bonus e la cessione del credito;
  • l’Attestato di Prestazione Energetica (Ape), rilasciato da un tecnico abilitato;
  • In fine bisogna comunicare i dati degli interventi in via telematica.
Inoltre considerate come prima casa. Per le seconde case, i lavori si possono fare usufruendo del bonus del 110% solo se le unità fanno parte di un condominio.
Per informazione qui trovate i link per accedere al portale ENEA per il caricamento della documentazione necessaria ad accedere alle detrazioni fiscali: https://ecobonus2020.enea.it/index.asp
 
Eco Bonus 110% Gruppo Fondiario Italia

Cosa sono le classi energetiche?

La detrazione del 110%, nei limiti di spesa previsti dalla normativa vigente, si applica anche a tutti gli altri interventi di efficientamento energetico a condizione che siano eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi che abbiamo visto in precedenza. 

Per poter accedere alla detrazione, gli interventi devono assicurare, nel loro complesso, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio o, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.

Le classi Energetiche degli edifici possono cambiare in base alle disposizioni regionali; uno dei modelli generali è fornito dalla Regione Lombardia che vede 8 classi di riferimento attribuite in base al fabbisogno di energia primaria che è necessaria per riscaldare ogni metro quadro di superficie.

Qui sotto puoi trovare una rappresentazione delle 8 categorie di riferimento:

Classe Energetica
A+
A
B
C
D
E
F
G

In cosa consiste la Cessione del Credito?

Spesso in tema di Ecobonus, sentirete parlare di “interventi che è possibile effettuare gratis“.

In particolare bisogna far riferimento alle 3 opzioni previste dalla norma. Gli articoli 119 e 121 del decreto rilancio che prevedono queste possibilità:

  • la possibilità di usufruire della detrazione del 110% in 5 anni;
  • lo sconto in fattura anticipato dal fornitore che ha effettuato i lavori e da quest’ultimo recuperato sotto forma di credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, incluse ESCo, banche e altri intermediari finanziari;
  • il credito d’imposta, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, incluse ESCo, banche e altri intermediari finanziari.

Nel primo caso, è chiaro che sarà necessario anticipare i soldi per gli interventi per recuperali in dichiarazione dei redditi in 5 anni.

Negli ultimi due casi le linee guida non sono ancora chiare e la normativa non si è espressa con dei provvedimenti attuativi in modo da comprendere le modalità (soprattutto) della cessione del credito e se queste, ovviamente, avranno un costo che renderanno gli interventi non più “gratis” come dichiarato.

Qui potete trovare un link utile dell’Agenzie delle Entrate sulla Cessione del Credito: Agenzia delle Entrate – Cessione del Credito Ecobonus.

 In conclusione, riteniamo che l’incentivo al 110% per l’Ecobonus avrà un impatto enorme sul settore edile (già stimato oltre i 20 miliardi di euro) e sarà una grandissima opportunità per tutti i proprietari di immobili idonei a beneficiare di questo incentivo.

Leggi anche questo articolo di Unienergia sulle sanzioni in tema di dichiarazioni false nella richiesta dell’Ecobonus

Ti è piaciuto questo articolo?
Commenta o Condividi sui Social

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

2 pensieri su “Super Bonus 110% per Ristrutturazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Consigliati per te: